HOME
CORSI
ORARI
INSEGNANTI
EVENTI
COMPANY
FOTO
CONTATTI
FOLLOW US:


NEWSLETTER
Tieniti aggiornato sui prossimi eventi, iscriviti alla newsletter.

inserisci la tua e-mail:





 

DANZA CLASSICA:
La nostra scuola segue, per quanto concerne la danza classica, il metodo della Royal Academy. La Royal Academy of Dance di Londra (RAD - www.rad.org.uk) è stata fondata nel 1920 da Madame Margot Fonteyn con lo scopo di diffondere e promuovere l'arte del balletto. Oggi è rappresentata in più di 60 paesi e vanta la formazione di ballerini professionisti ed insegnanti che in tutto il mondo adottano il metodo RAD. Unica accademia di danza in Inghilterra, le è stato conferito il Titolo Reale.

Con il suo metodo la Royal Academy offre la possibilità ai bambini di imparare in modo progressivo i primi rudimenti della danza attraverso un’attività, oltre che didattica anche ludica e socializzante, mirata al miglioramento delle capacità creative, ritmiche, espressive e di relazione con il proprio corpo e con lo spazio.

continua...


DANZA CONTEMPORANEA:
Allo studio della danza classica si affianca quello della danza contemporanea. Si tratta di un importante accostamento che permette ai nostri allievi di ampliare la propria preparazione per meglio accostarsi all'istrionico mondo della danza che è in continuo movimento e crescita.

La danza contemporanea nasce negli Stati Uniti ad opera di alcuni singoli danzatori. Marta Graham fu agli inizi del secolo una delle prime sperimentatrici del genere e il suo nome rimarrà impresso come simbolo di questo stile. La danza contemporanea è una ricerca diversa rispetto alla danza classica, della quale mantiene un certo rigore tecnico, trasformandolo però in forme di poesia ed espressione in forte rottura con il passato classico.

DANZA MODERNA:
La danza moderna (chiamata anche danza jazz, o tutto in inglese con modern jazz) è un’evoluzione della ricerca artistica messa in moto dai danzatori statunitensi all’inizio del secolo scorso. Esattamente come i generi musicali si sono staccati gradatamente dalla musica classica, allo stesso modo l’arte coreutica si è mossa in questo senso (per questo viene chiamata danza jazz).

Fonda le sue radici nelle solide basi della cultura black, contaminando la danza contemporanea in un genere che si sposerà per anni con la musica soul. A differenza della contemporanea, la danza moderna si allontana dalle movenze precise della classica, sfruttando movimenti di tipo diverso, con maggiore libertà e dinamicità.

continua...

HIP HOP:
Dietro al nome hip hop non c’è solo un genere di danza. C’è una cultura, un mondo, uno stile di vita. L’hip hop è nato negli anni ’70 negli Stati Uniti, per la precisione nel ghetto nero del Bronx di New York. Il suo primo scopo era quello di creare uno stile di musica, ma soprattutto di intrattenimento, che fosse rivale (ma soprattutto davvero “black”) della disco music, genere che imperversava nei locali ricchi di Manhattan. E così i primi pezzi hip hop furono quelli del genere “party”, ossia per animare le feste, con Africa Bambaataa, fondatore della Zulu Nation. Da allora questa cultura si è sviluppata diventando il linguaggio dei ghetti emarginati degli USA e col tempo entrando a far parte della cultura giovanile mondiale.

La danza hip hop non è un genere unico. Esistono molti stili diversi, alcuni più vecchi, definiti Old Skool (tipicamente il Locking e il Popping) e altri più nuovi (New Style, House, Video Style).

continua...


DANZA EDUCATIVA:
" La danza è una delle rare attività umane in cui l'uomo si trova totalmente impegnato: corpo, cuore e spirito. Per il bambino danzare è importante quanto parlare, contare o imparare la geografia.
E' essenziale per il bambino, nato danzante, non dissipare questo linguaggio sotto l'influsso di un'educazione repressiva e frustrante"
Maurice Béjart

continua...


DANZA TRIBALE:
"La Danza Tribale, nelle sue varie forme, dopo un grande sviluppo negli Stati Uniti, dove è nata, sta vivendo ora una rapida diffusione nel resto del mondo. Da forma d'arte "di nicchia", sta diventando uno stile ( non solo di danza ) che raccoglie un sempre maggior numero di appassionati e comincia ad essere sotto i riflettori di coloro che sono attenti alle nuove forme d'arte... e finalmente oggi il Tribal Style approda anche da noi!

continua...


DANZE CARAIBICHE LATINO-AMERICANE:
Le danze caraibiche (salsa, merengue, bachata, cha cha cha, ecc..) hanno origini lontane, ma sono diventate popolarissime solo negli ultimi decenni. Sono balli che si caratterizzano dagli altri per l'allegria, il ritmo frizzante, la vivacità e la sensualità.


continua...



BENESSERE

GYROKINESIS ® - Monica Pasquinelli


 

 

GYROTONIC® CORSI INDIVIDUALI E PERSONALI - Davide Chirico

 

 

TEATRO

IL CLOWN NON E’ UN PAGLIACCIO
Docenti: Francesco Tonti e Alex Gabellini
Francesco Tonti e Alex Gabellini curano da diversi anni un percorso di ricerca ben illustrato dal titolo stesso: Il clown non è un pagliaccio. Conducendo un'intensa attività di studio sulla "maschera più piccola del mondo", come la definiva Lecoq, con questo laboratorio si vuole abbattere l'immagine stereotipata del pagliaccio carnevalesco per favorire la ricerca teatrale. Bandite le faccette e le mossettine, le scenette e le parrucche di materiale sintetico o le scarpone di plastica!  Il clown ci porta in un mondo extra-quotidiano ma concreto, in cui il rapporto tra gioco e fallimento genera tenerezza e poesia. La ricerca parte dalla scoperta che non siamo né perfetti né immortali, ma ricchi di difetti che, una volta giocati, ci aiutano a ridere di noi e ci introducono ai meccanismi comici, liberando una forza comica dirompente che ci porta alla scoperta del proprio clown interiore.
In una prima fase si affronteranno giochi d'improvvisazione, ritmo, fiducia e ascolto, per poi dedicarsi agli studi sulla grammatica del clown. In una seconda fase s’indagheranno le dinamiche della coppia dei clown Bianco e Augusto.

 

APPROCCIO ALLA GIOCOLERIA
Docente: Francesco Tonti
Un bel giorno l'uomo cominciò a lanciare oggetti in aria, col desiderio di riprenderli. Perchè? Non è forse vero che tutti noi subiamo grande fascino nel vedere un giocoliere che disegna mille traiettorie nel cielo? Dove nasce la meraviglia che proviamo per quest’arte antichissima?  Il primo reperto pare sia un graffito risalente al 2040 a.C., rinvenuto in Egitto nella tomba di Ben Hassani. Tramandata attraverso i secoli, arriva ai giorni nostri per sorprendere e stupire chiunque le si avvicini. "Un esperimento sull'uomo ha dimostrato che nei giocolieri si sviluppa la porzione di corteccia motoria coinvolta nel controllo degli esercizi", afferma Lamberto Maffei, direttore dell'Istituto di neurofisiologia del CNR di Pisa. L'esercizio della giocoleria è uno strumento prezioso per il fisico, per la mente e aiuta a lavorare sulla pazienza, sul ritmo, sull'accettazione dell'errore e di conseguenza sulla crescita dell'autostima.
Il percorso è graduale e si rivolge ai principianti. Faremo esercizi con una pallina, poi con due e con tre. Si proverà poi il volteggio con le clave e i più rapidi sperimenteranno il passing in coppia e figure di giocoleria a quattro mani. Oggetti usati: palline, clave, cerchi

 

STARE IN SCENA
Corso di teatro base per adulti
Docente: Francesco Tonti
Questo laboratorio è rivolto a chiunque voglia sperimentare il teatro partendo da zero. Non è richiesta esperienza, ma solo voglia di conoscere e perfezionare la propria espressività.  Ogni persona è interessante e possiede doti particolari. Nella vita di tutti i giorni, però, possono essere offuscate dai ritmi frenetici e dalla routine. Stare in scena aiuta a potenziare la capacità di comunicare, che passa anzitutto per il corpo e poi per la voce. Come agire in modo espressivo? Come raccontare una storia senza essere piatti e cantilenanti? Come interpretare un personaggio? Come dialogare senza fingere? Quali sono i meccanismi comici? Come esprimere un sentimento intenso e drammatico senza sembrare patetici? Durante il corso utilizzeremo alcune tecniche di base, con lo scopo di valorizzare le caratteristiche espressive di ciascuno. Si lavorerà singolarmente e in gruppo, lasciando spazio alla relazione e alla creatività. Toglieremo il superfluo e svilupperemo il necessario.  Parole d'ordine: divertimento e libertà. Ognuno sarà guidato in modo morbido, per un viaggio dolce e piacevole. Cominceremo con giochi teatrali semplici per entrare in sintonia col resto del gruppo, esercizi di fiducia e di ascolto. Poi, pian piano, scopriremo alcune tecniche recitative e conosceremo le regole dello stare in scena, per risultare veri nella finzione.

"Il palcoscenico è un cerchio magico in cui solo le cose più vere accadono, un territorio neutrale al di fuori della giurisdizione del Fato, dove le stelle possono essere scavalcate impunemente. Un posto più vero e più reale non esiste in tutto l’universo.
" (Baber)

 

FOR YOU

Corso base d' improvvisazione teatrale

Docente: Fabio Magnani

 



Orari e lezioni              

AGA a.s.d. di Monica Pasquinelli, Milena Magnani | via Enzo Ferrari, 15 - 47838 Riccione (Rn)
Tel 0541.614201 - Cel 347.7181181 - 348.6055805 - Email: agadanzariccione@gmail.com
Partita IVA 03675780401 | Privacy Policy |
design by tattica